secche1

le Secche di Ugento

SECCHE DI UGENTO Le secche di Ugento 737 visite Pubblicato da Redazione il 8-set-2011 Categorie: Leggende, Ugento 0 Commenti Le secche di Ugento nel corso dei secoli si sono rese protagoniste di numerosi naufragi, alcuni molto noti, altri passati inosservati… Tra i più blasonati possiamo sicuramente citare la rovinosa avventura di Pirro, re dell’Epiro, che […]

le fate di Collepasso

FATE:  Si narra che un giorno un tale, passeggiando appena fuori il paese di Collepasso. vide una ragazzina che era caduta e si era sbucciato un ginocchio. L’aiutò a rialzarsi e la fanciulla scomparve. Quando tornò a cosa, nel riporre il bastone da passeggio, si accorse che esso era diventato d’oro massiccio: un segno della […]

menhir Staurotomea

CARPIGNANO La pietrafitta più interessante di Carpignano è quella conosciuta con il nome di Staurotomèa o Croce Grande. Posto poco fuori dall’abitato, presso il Santuario di Maria SS della Grotta, attorno a questo menhir sono sorte alcune leggende. Secondo una tradizione diffusa in tutto il Salento, i menhir nasconderebbero dei tesori, per trovare i quali […]

il Cristo Nero

NARDO’ La leggenda del Cristo nero. Si narra che il 18 maggio 1255 alcuni infedeli, per ordine di Manfredi, cercarono di portare fuori dalla chiesa la statua del Crocefisso, portato a Nardò dai monaci basiliani nel 761, per darlo alle fiamme insieme ad altre statue sacre. Questo crocifisso si incastrò tra gli stipiti della porta […]

i giorni delle Vecchie

Nel Salento vengono invece chiamati anche giorni delle “Vecchie”. Si fa riferimento infatti ad una leggenda secondo cui gennaio aveva solo 28 giorni e, puntualmente, nei suoi giorni conclusivi faceva talmente freddo da uccidere le pecore più vecchie del gregge. Un anno il furbo pastore nascose le pecore, gennaio finì e si rese conto dell’inganno. […]

Racale e i “pacci”

RACALE La nomèa degli abitanti di Racale è “pacci”, che significa pazzi. Il soprannome è legato ad una leggenda secondo la quale, molti secoli or sono, arrivò nel villaggio uno strano signore che, ogni tanto si fermava improvvisamente per pregare ad alta voce. I racalini, credendo che si trattasse di un pazzo, non gli concessero […]

la rupe della dannata

NARDO’ – LA RUPE DELLA DANNATA Una aspra ed alta rupe  si erge per 50 metri a picco sul mare. In cima vi fu costruita la Torre dell’Alto. La leggenda narra di una giovane e bella ragazza di Nardò che stava per sposarsi ma era che era stata chiesta dal signorotto locale in base allo […]

Madonna della Coltura

PARABITA – MADONNA DELLA COLTURA Narra la leggenda che un contadino, arando un pezzo di terra, incuriosito dal fatto che i i buoi si inginocchiavano sempre allo stesso punto, scoprì sepolta una sacra immagine di madonna dipinto su un masso. Per la gioia e la sorpresa corse subito in paese per annunciare la formidabile scoperta […]

leggenda di San Brizio

CALIMERA è invece un mistero il culto a Calimera di San Brizio, un Santo sconosciuto e così lontano, ma così largamente venerato dai calimeresi che, nella forma grecizzata, lo chiamano “Vrizio” o “Vriziolai” (“Brizietto”): e Brizio è il nome maschile più diffuso a Calimera. La leggenda narra di un tale Cordulo, cittadino di Calimera, che, […]

leggenda di San Paolo di Galatina

GALATINA La tradizione vuole che San Pietro e Paolo sostarono a Galatina durante il loro viaggio di Evangelizzazione. San Paolo fu ospitato da un galatinese nella propria dimora chiamatasi in seguito Casa di San Paolo. Riconoscente per la calda ospitalità ricevuta il Santo diede al padrone di casa ed ai suoi discendenti il potere di […]

punta Meliso

E’ questa la leggenda più nota e più bella. Si dice che regina di quello Specchio di mare dove si incontrano Jonio e Adriatico fosse una sirena tutta bianca e perciò chiamata Leucàsia (dal greco leukòs=bianco). Ella, bella ma mostro perché metà donna e metà pesce, cantava divinamente e attirava i marinai. Una volta volle […]

le due sorelle

TORRE DELL’ORSO – Lo Scoglio delle Due Sorelle : “Un tempo vivevano due sorelle dalle fattezze meravigliose: un giorno, lasciata la campagna si recarono al mare per cercare un pò di frescura e di refrigerio alla calura estiva. Le due sorelle si recano sulla scogliera della baia di Torre dell’Orso e li soffiava un venticello […]

la pietra delle fertilità

La pietrà della fertilità Una curiosa usanza, legata a un rito di purificazione di origine pagana, si svolge il Lunedì di Pasqua a Calimera, non lontana da Lecce, nella piccola cappella campestre dedicata a San Vito. Oggi in modo scherzoso, ma un tempo con la massima devozione, uomini e donne devono passare attraverso il foro […]

la chiave di San Donato

La chiave di San Donato Nel paese di San Donato si vende ancora, nei giorni della festa patronale (5 e 6 agosto), la minuscola chiave di stagno con l’immagine del santo, dal quale un tempo gli ammalati di epilessia imploravano la guarigione. La chiave di San Donato “apre” il cervello, liberandolo dal male.

il pianto del bambino

Il pianto del bambino Una leggenda, ancora assai diffusa, racconta di una bella ragazza colpevole agli occhi dei suoi compaesani di avere amato un giovane saraceno approdato durante una scorreria. Ne aveva avuto un figlio, ma poco dopo il parto era impazzita. Dopo aver allattato a lungo il neonato, perché nel regno dei morti non […]

leuca2

Santuario di Leuca

San Pietro ed il Santuario del Paradiso Una gentile leggenda che si tramandano gli abitanti del Capo (i “capuani”), vuole che San Pietro, proveniente dall’Oriente, abbia toccato per la prima volta terra italiana proprio dal Capo e che da qui abbia incominciato a predicare il Vangelo alle genti italiche. E la leggenda vuole ancora che […]

i Garofani Turchi

OTRANTO Garofani turchi con il sangue del Bey respinto Il Bey venne ad Otranto , al tempo in cui i veneziani tenevano la città. Il principe era un giovane bellissimo dai modi gentili e raffinati. Amava correre per le campagna salentine con i suoi splendidi e velocissimi cavalli arabi. Avevi affittato un grande palazzo in […]

le Mammalie

MAMMALIE – UGENTO “Addì, 4 Luglio 1547, sabato mattina  una manica di 400  turchi sbarcati da 22 galee su l’acque di Ugento innanzi l’isola dei pazzi arrivarono alla torre, a tempo che  li massarí mungevano le pecore, s’impadronirono della porta e la gente si  pose a fuggire sopra  la torre, e quando uno vellano tirava […]

isola della Fanciulla

MARINI Dragut e la leggenda dell’Isola della Fanciulla L’isoletta della fanciulla è uno scoglio isolato che è situato ad ovest della torre dei Pali, a circa cento metri dalla spiaggia. La leggenda narra che, durante una delle sue incursioni lungo le coste del Salento, Dragut inviò i suoi uomini a depredare alcune masserie poste in […]