discesa Riparo Rosso

DISCESA “RIPARO ROSSO” *

L’imboccatura primitiva della discesa è stata chiusa da un muro di pietre, si può scendere dalla scarpata o dalla stradina privata sulla sinistra. Si segue la piccola scalinata fino alla casa alla quale si svolta a destra e si segue il sentierino di pietre e terra rossa che arriva fino al centro del “anfiteatro”. Discesa facile.

imboccatura della discesa

RIPARO ROSSO *

06/11/07 ore 9:00-10:30, 9gradiC, Tramontana, cielo terso, dislivello 60 metri. Sottocosta un grosso motoscafo sembra fare delle prove di navigazione, all’orizzonte una nave cisterna.

Mi dirigo verso il primo dei “due buchi” ma ad una ventina di metri da questo la costa diventa troppo scoscesa e il mistero rimane, forse si tratta solo di cespugli. Cerco un passaggio verso sud e arrivo a uno sperone ma la costa verso nord rimane troppo scoscesa per le mie possibilità anche se si potrebbe anche fare. Superato lo sperone la vista si allarga improvvisamente su un ampio anfiteatro di rocce con una parete a strapiombo di circa 60 metri. Qui vi è un relativo pianoro di roccia bianca durissima e alcuni ammassi di breccia con terra fossile. Nel punto più in basso si può arrivare a circa 4 metri dall’acqua ma non sembra che ci siano punti per poter fare il bagno. Salgo in alto fino a un ampio riparo rossastro, residuo di una grande caverna. L’imboccatura è alta 4-5 metri. Proseguendo sulla destra trovo la “discesa riparo rosso” che seguo fino alla strada.

i due buchi

dietro a questa scarpata ci dovrebbero essere i “due buchi”

la scogliera verso sud e la parete più alta (50-60 m)

la buca a destra è il “riparo rosso”

aspetto dell”anfiteatro” a inizio discesa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>