masseria Gelsorizzo

Masseria di Gelsorizzo e Torre Colombaia

Ceciovizzo era situato a 1 Km. dal centro dell’abitato ed ora viene chiamato Gelsorizzo. Qui il feudatario Fabrizio Guarino eresse nel 1550 la torre colombaia, dove è presente l’iscrizione rozzamente incisa ed in parte erosa: “FABRI IUS… COLUMBARIUM HOC… CONSTRUXIT… SIBI SUIS AMICISQUE. ANNO D.N.I. MDL”, nella traduzione “Fabrizio fece costruire questa colombaia per sé e per i suoi amici. Anno 1550″.

Nel 1545, quando il Guarino lo comprava da Clausio Lubello, per ducati 3500, il casale stava ancora in piedi, ma nei rogiti del 1615 si menziona come semplice feudo, perciò già da allora non veniva considerato una fortezza.
Ai piedi della torre più grande della masseria si trova la cappella di san Nicola che misura m. 7,8 di lunghezza e m. 3,7 di larghezza.

È il monumento religioso più antico di Acquarica, risalente con probabilità al sec. XI.
Vi è all’interno dell’abside l’affresco di Cristo Pantocratore che regge nella mano sinistra le tavole della legge con scritte in greco e sottoposte vi sono due immagini di santi che recano in mano anch’esse scritte in greco su pergamena.Sito ufficiale del comune di Acquarica del Capo (LE)

acquarica2.jpg (80510 byte)

Settembre 2007

Restauro in corso, la porta della torre è chiusa. Trovata sul retro una grotticella.

Ingresso e interno della grotticella

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>