masseria Zanzara

masseria ZANZARA o SAZZARA- Porto Cesareo

foto di http://www.panoramio.com/user/2030514

www.masseriazanzara.it

Prende il nome da una nobile famiglia di Terra d’Otranto originata forse dalla illustre famiglia Salazar.
Un certo Elia Saczar o Sazzara domiciliava in Veglie verso la prima metà del ‘500 e possedeva il feudo di S. Teodoro o S. Todero, presso Nardò, che comprendeva tra l’altro, il complesso masserizio della Zanzara.
Dai Sazzara la masseria passò ai Carignano con i quali si erano imparentati.
Nel Catasto Onciario è così descritta : ” Masseria nominata lo Sazzara consistente in Case, Capanne, Curti, Aja, Trozza, Trappeto in ordine atto a macinar olive, con alberi d’olive fruttiferi e olivastri e cormuni n. 7.000 in circa ed in sem. tt. 281 di terra fra sem. agreste e macchiose “.
Lo sviluppo del complesso masserizio è puntualizzato dalle tre date incise sul prospetto rivolto ad est.
Il 1470 si riferisce al nucleo originario caratterizzato dalla torre a due piani coronata dal parapetto aggettante su archetti e beccatelli.
Un secondo elemento turriforme si addossa al precedente nel 1791 ripetendone il disegno del parapetto soltanto però sulla facciata che dà sul cortile. L’ultima data, 1968, testimonia il recente intervento di ristrutturazione che ha modificato profondamente il disegno dell’impianto originario. Parte del giardino retrostante la torre è stato infatti occupato da una serie di locali adibiti a dimora estiva.
Il fabbricato che include l’androne d’ingresso comprende anche i magazzini e le stalle e può essere datato agli inizi dell’ 800. Poco distante, all’esterno del recinto, sorge un cappella del primo ‘900.
Il complesso passato nella proprietà dei Baroni Malfatti fino al 1987 anno in cui passa ancora alla Famiglia Guarini.
Si può raggiungere dalla S.P. Veglie – P. Cesareo e dista dal mare circa 5 Km.
Il territorio circostante è coltivato sin dalla notte dei secoli a oliveto.

.http://www.turismo.provincia.le.it/home/risorse.php?id=2282

La masseria fortificata “La Zanzara” è situata a 500 metri dalla strada provinciale Veglie-Porto Cesareo in località “Arneo” e si accede percorrendo un viale alberato ad eucalipti. Fu costruita nel XVI secolo e nell’anno 1750, quando fu eseguito il Catasto onciario a Nardò, faceva parte con il nome di “Lo Sazzarra” (nome di una nobile famiglia di Terra d’Otranto), dei beni di Francesco Carignano , duca di Novoli e marchese di Trepuzzi. Originariamente la masseria faceva parte del Feudo di S. Teodoro il cui proprietario era un certo Elio Sazzarra (o Salazar) abitante a Veglie. Del nucleo originario, che doveva essere costituito da una torre a due piani coronata da un parapetto simile a quello delle torri delle altre masserie confinanti, è rimasto ben poco. Nel 1791 fu realizzata una nuova struttura addossata alla torre originaria e nel 1968 è stato effettuato un intervento di ristrutturazione che ha cambiato quasi totalmente l’impianto originario. Attualmente la masseria appartiene alla nobile famiglia dei Guarini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>