Vora Castagna

VORA CASTAGNA

dalla RILEVAZIONE DELLE VORAGINI NELLA PROVINCIA DI LECCE Collaborazione tra la Provincia di Lecce ed il Gruppo Speleologico Leccese “NDRONICO”
http://www.sit.provincia.le.it/sitwww/vore/dati/intro/default.html

40°04’16,40” – 05°49’09,94” 95,00 metri s.l.m.SCORRANO

L’imbocco è condizionato, alla cavità si accede da un pozzo a base circolare.
1 m
>15 m (rilievo topografico incompleto)
>100 m (rilievo topografico incompleto)

Materiale di riempimento: E’ presente una complesa successione sedimentaria di tipo fluviale per lo più di
granulometria sabbioso siltosa cui si intercalano potenti corpi di natura autoctona
(brecce di crollo e speleotemi).

Recintata (rete e cancello)
Inquadramento geologico:
Affiorano calcareniti bioclastiche grossolane, di colore biancastro, con abbondanti macrofossili. Le calcareniti sono
clinostratificate e variamente cementate. L’unità è riferibile alla Calcarenite di Gravina del Pleistocene inferiore.

Tipologia dell’inghiottitoio Si tratta di un’ampia vasca drenante sul cui fondo si apre un modesto pozzo da cui si
accede ad una estesa cavità. La cavità carsica è in comunicazione con l’interno anche
attraverso un secondo ingresso non praticabile dall’uomo che si trova sul bordo della
vasca.

Descrizione assetto morfologico:
La cavità si apre su un’area pianeggiante caratterizzata dalla presenza di numerose doline poco evidenti perché
colmate da sedimenti.

Caratteristiche e condizioni del reticolo idrografico:
Nella voragine termina il Fosso della Castagna, corso d’acqua endoreico a carattere occasionale lungo pochi
chilometri e poco gerarchizzato.
Descrizione del livello di antropizzazione dell’area e sua influenza sul reticolo idrografico:
Il livello di antropizzazione dell’area circostante è basso; infatti l’area nell’intorno della voragine è coltivata ad
uliveto ed è interessata esclusivamente da pratiche agricole stagionali. La geometria attuale dell’imbocco invece è
marcatamente condizionata dall’intervento antropico. L’imbocco attuale dalla cavità infatti si apre sul fondo di
un’ampia vasca di espansione nella quale confluisce il Fosso Castagna.

L’ingresso attuale della cavità non corrisponde con l’ingresso originale, attualmente interrato, che dovrebbe
trovarsi nel punto centrale della vasca di espansione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>