furchiu pianta

grotta della Tana o Furchiu di la zappa

“E’ una grotta nota nel panorama neretino, giusto a ridosso del villaggio di Torre Inserraglio. Perchè abbiano sradicato l’albero e cercato di occultare l’ingresso di una delle più grandi grotte, per estensione, del territorio neretino, non è dato saperlo. Ad ogni modo rimane sempre una bella grotta, anche per i più navigati; per certi aspetti […]

delfico-(9)

grotta del Fico

La grotta è ubicata nel canalone carsico di S.Maria al bagno, a circa 500 m dalla spiaggia, sulla destra orografica. Un modesto ingresso immette in uno stretto cunicolo in cui è possibile procedere eretti. Dopo circa 35 m l’angusto corridoio termina con una frana.

Grottini della Reggia

Grottini della Reggia (Santa Maria al Bagno- Le) LOCALITA': La Reggia TIPOLOGIA: parete caratterizzata da numerosi  passaggi, ripari  e piccole grotte. Immersione da terra. DIFFICOLTA': Facile PROFONDITA MASSIMA:10/12 metri circa DESCRIZIONE DELL’IMMERSIONE:I Grottini della Reggia rappresentano una delle immersioni più note e praticate del litorale compreso tra le località marine di Santa Caterina e Santa […]

mariadellagrottella-(2)

Madonna della Grottella – Nardò

8/5/13 tra infinite quinte di ulivi secolari appare inaspettato, nessun’altra presenza umana, solo il divino. Il pavimento mezzo crollato  permette l’accesso alla cripta sottostante, cosparsa di decine e decine di scheletri di pecore, ed alcuni, non indagabili, sacchi chiusi. Ma non ci sono carogne fresche e si può quindi scendere nella cripta. L’ambiente è angusto e degradato. […]

masseria Ciccogatto

Franco Cavallo La masseria “Ciccogatto” è situata sulla strada provinciale Nardò-Leverano e si accede da una strada vicinale che costeggia la masseria Puzzovivo. Poche sono le tracce che si hanno di questa masseria. Costruita probabilmente nel XV secolo nel Catasto onciario del 1750 risulta appartenere a Ortensio Felice Manieri, sacerdote. Del nucleo originario è rimasto […]

masseria Ingegna

Franco Cavallo La masseria fortificata “Ingegna” è situata sulla strada statale Nardò-Avetrana in località “Arneo” e si accede attraverso una strada di campagna nei pressi della masseria Donna Menga. Costruita nel XVI secolo nel Catasto onciario del 1750 risultava appartenere alla famiglia Albanese Delli Noci di Lecce. Del nucleo originario rimane la torre di difesa […]

masseria Le Tagliate

Franco Cavallo La masseria fortificata “Le Tagliate” è situata lungo la strada che da Nardò porta a Gallipoli nei pressi della masseria Pagani. Costruita probabilmente nel XV secolo oggi del complesso edilizio è rimasto quasi nulla. La testimonianza della masseria è costituita dalla Torre, composta da piano inferiore e piano superiore, quasi del tutto in […]

masseria Puzzovivo

Franco Cavallo La masseria fortificata “Puzzovivo” è situata nella omonima località sulla strada provinciale Nardò-Leverano e si accede attraverso un breve tratto di strada di campagna. Da alcune notizie storiche si apprende che la masseria faceva parte di un antico Casale del XIII secolo. Ed era un Casale abitato da diverse famiglie che provvedevano a […]

masseria La Grande

Franco Cavallo La masseria fortificata “La Grande” è situata sulla strada che da Torre Lapillo porta a San Pancrazio in località “Arneo” e si accede attraversando un breve tratto di strada di campagna. Costruita nel XVI secolo nel Catasto onciario del 1750 faceva parte dei beni di Francesco Barnaba di Martina. Del complesso edilizio originario […]

masseria Corte Vetere

Franco Cavallo La masseria fortificata “Corte Vetere” è situata sulla strada provinciale Nardò-Avetrana in località “Arneo”. Costruita probabilmente nel XVI secolo dopo essere appartenuta ad Alfonso Pagano, principe di Avetrana , nel 1750 risulta appartenere ai beni dell’Abbazia di San Mauro secondo il Catasto onciario di Nardò. Purtroppo del complesso edilizio originario è rimasta solo […]

masseria Pagani

Franco Cavallo La masseria fortificata “Pagani” è situata a due chilometri da Nardò e si accede dalla strada provinciale Nardò-Gallipoli. La sua costruzione risale al XVI secolo e nel Catasto onciario del 1750 apparteneva ai beni di Tommaso Sambiasi di Nardò. La masseria presentava originariamente un edificio fortificato munito di due caditoie poste sulla facciata […]